La Vecchia Piazza

La Vecchia Piazza
Vecchia Piazza si trova a L'Avana Vecchia, a Cuba. Ha una popolazione residenziale di 17.426 persone ed è emersa come uno spazio aperto nel 1559

Un invito a visitare La Vecchia Piazza

Durante il tuo tour dell’Avana Vecchia, non devi perdere Vecchia Piazza. Storia, cultura, arbitrarietà e incomprensione comprendono l’esistenza di questo spazio pubblico che era nuovo e poi vecchio e allo stesso tempo rimane vecchio e rinnovato.

Lì la persona può sentire il calore umano degli abitanti di questa parte dell’isola, godersi l’atmosfera coloniale anche quando sono trascorsi secoli dalla sua costruzione e ascoltare storie di fantasmi che sembrano vagare molto vicino a questa piazza, dichiarata Patrimonio dell’Umanità.

Si trova in un quadrante irregolare costituito dalle strade Muralla, San Ignacio, Teniente Rey e Mercaderes. È la terza piazza più antica della Villa de San Cristóbal de La Habana ed è anche l’unica non associata a un tempio religioso.

Mentre attraversi l’Avana, è il mio più grande desiderio che tu non smetta di visitare questo pezzo di storia vivo nella città.

La piazza, la sua storia.

Plaza Vieja è stato il primo tentativo pianificato di espandere la città per rispondere allo sviluppo urbano e commerciale dell’Avana e finora ha subito trasformazioni.

Si trova nella zona dell’Avana Vecchia e originariamente si chiamava Plaza Nueva. Dapprima fu uno spazio aperto nel 1559, poi divenne rispettivamente la Plaza de Armas e la Plaza de San Francisco, anche se ci sono alcuni autori che sottolineano che era la seconda piazza esistente a L’Avana. Costituì anche una zona residenziale per l’aristocrazia creola in epoca coloniale.

Dati storici indicano che nel 1559 il capitolo dell’Avana decise di individuare una nuova piazza da utilizzare per le feste pubbliche e di vendere merci e quindi sostituire la piazza originale, il cui spazio era stato occupato dalla costruzione del Castillo de la Real Fuerza iniziato nell’anno precedente.

È stato concepito in una forma rettangolare, ma alla fine si è rivelato essere uno spazio a forma di trapezio e ha mantenuto le proporzioni impostate. Un’altra caratteristica che lo avrebbe differenziato dagli altri era che non avrebbe né un consiglio né una chiesa.

Ma passarono due decenni e non fu costruito nulla. Lo spazio è rimasto abbandonato e le autorità hanno deciso di dividere la terra in pacchi e di affittarli.
Tuttavia, a causa della necessità di spazi, il consiglio ha recuperato la terra che era oggetto di lavori di miglioramento in quanto è stata allagata in caso di pioggia.

Anche nella sua costruzione finale è stato il fatto che i genitori francescani si sono lamentati del rumore nella Plaza de San Francisco che ha ostacolato le masse e ha richiesto un nuovo spazio per i venditori e i banditori della città, una piazza a fini commerciali.

È la storia di una piazza che ha impiegato molto tempo ad apparire. Fu solo nel 17 ° secolo che quella che fu poi identificata come Plaza Nueva fiorì quasi spontaneamente.

Nel 18 ° secolo fu convertito in un mercato popolare e esattamente nel 1814 fu ribattezzato Plaza Vieja per differenziarlo. È stato anche conosciuto con altri nomi: Real, Sindaco, Mercado, Fernando VII, de la Constitución, Parque Juan Bruno Zayas e Parque Julián Grimau.

Piazza Vecchia o Piazza Nuova?

La piazza esiste dal 1559, sebbene conosciamo già le vicissitudini che ha attraversato per molti anni. Lo chiamavano “Plaza Nueva”, un luogo per proclami, passeggiate aristocratiche, spettacoli teatrali, corride, carnevali, celebrazioni civili, processioni religiose, esercitazioni militari ed esecuzioni pubbliche.

Dopo aver adottato altre funzioni, divenne un mercato all’aperto con bancarelle di legno chiamato Reina Cristina, fu lì che esistevano i primi pescherie all’Avana.

Ha cessato di essere la Plaza Nueva con la creazione della Plaza del Santo Cristo del Buen Viaje nel 1640. Splendidi palazzi coloniali, di proprietà di potenti famiglie peninsulari e, in seguito, apparvero creoli intorno a loro e alcuni ancora esistono per attestare questa affermazione. .

Intorno alla piazza puoi ascoltare vecchie storie di fantasmi che sono apparse. È il caso della residenza dei Conti di Jaruco, dove ora risiede la galleria d’arte “La Casona”, dove visse lo scrittore romantico che in seguito sarebbe stato ben noto a Cuba e in Francia come Contessa di Merlino. I vicini e i custodi del complesso affermano di averla vista vagare per stanze e corridoi.

Nel 1952 questo stesso spazio culturale fu trasformato in un parco pubblico e un anfiteatro sopra un parcheggio sotterraneo e furono aggiunti edifici per aziende, case e attività commerciali. Questo è stato il caso fino agli anni novanta del secolo scorso, quando l’Ufficio dello storico della città ha mantenuto la ferma intenzione di salvare lo spazio e ripristinare il suo aspetto originale del 19 ° secolo.
Ringiovanito completamente con tocchi aggiunti. Era pieno, pavimentato e protetto da una recinzione perimetrale. Una fontana fu sostituita, questa volta una replica in marmo di Carrara della fontana in pietra con una fontana che l’ha ospitata dal 18 ° secolo.

Ha dodici metri di diametro a forma di coppa, è sorretto da due gradini e dal centro si erge una colonna solcata, sormontata da un bicchiere.

Al confine con la verticale, vediamo un prisma cavo rettangolare che culmina in un magnifico cornicione a quattro gusci, accennando alla femminilità.

Sempre sul lato nord c’è l’opera «Natura», un enorme fiore che germoglia dai ciottoli. E a sud, una scultura in bronzo di una donna armata di una forchetta, cavalcando un enorme gallo, opera dell’artista cubano Roberto Fabelo.

Ha affermato che si tratta di una metafora della preponderanza della donna sull’uomo rappresentato dall’uccello maschio, la presunta testa della penna, soprattutto se è nuda.
stili diversi uniti in armonia e che ci raccontano lo stile barocco della colonia, il romanzo e il modernismo, tutti evidenziati nelle costruzioni in pietra, i balconi a sbalzo, i soffitti, le finestre in legno tornite, i dipinti murali , vetrate, facciate e negli ampi portali ad arco.

Cosa troviamo oggi a La Plaza?

L’architettura coesiste allo stesso tempo con nuovi spazi che richiedono l’attenzione dei visitatori, sia stranieri che nazionali. Ci sono il Planetario, la Biblioteca fotografica cubana, la Camera Obscura, il Centro culturale Vitrina de Valonia, il Centro di sviluppo delle arti visive, il Museo delle carte da gioco, il negozio Paul and Shark, una sala massaggi, una scuola elementare, Ristoranti di Santo Ángel e La Vitrola, nonché case private che affittano camere.

Tuttavia, ci sono due spazi che attirano l’attenzione: le fabbriche Maltas e Cervezas Plaza Vieja e il caffè El Escorial. Presso la fabbrica di Plaza Vieja Malts and Beers puoi bere un malto rinfrescante o una birra. Offrono anche self-service con distributori da tre litri da portare all’aperto o al chiuso, su mobili nello stile di vecchie taverne.

Sul lato opposto della piazza, Café El Escorial offre varietà e combinazioni del cosiddetto nettare scuro degli dei, con la possibilità di portare a casa un campione del fagiolo locale “Serrano”, arrostito intero o macinato di fronte al cliente.

Plaza Vieja continua ad essere uno dei siti più famosi e importanti nel centro storico dell’Avana, migliaia di persone lo attraversano ogni giorno, molti si fermano per socializzare, soffocare il caldo e soddisfare il palato. Sulla strada per L’Avana, Plaza Vieja deve essere una destinazione da non perdere.

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .