El Templete

El Templete L'Avana
El Templete. Poco citato nelle pubblicità, è forse uno dei luoghi più importanti della storia della capitale.Simula un piccolo tempio greco-romano costruito

El Templete. Posizione.

Esattamente su Calle Baratillo e / O’Reilly e Enna, Plaza de Armas, a L’Avana Vecchia troviamo El Templete. Poco menzionato nella pubblicità è forse uno dei siti più importanti nella storia della capitale.
Simula un piccolo tempio greco-romano che fu costruito nel 1828 per grazia del colonnello Don Antonio María de la Torre e Cárdenas e sponsorizzato dal capitano generale e governatore Francisco Dionisio Vives e dal vescovo dell’Avana Juan José Díaz de Espada e Fernández de Landa .
Lì la prima messa e il primo municipio della Villa furono celebrati sotto un albero di ceiba, il 16 novembre 1519. Mentre attraversi L’Avana non dovresti perdere la visita a questo sito pieno di tradizioni Yoruba che rimangono fino ad oggi.
Il Templete è un simbolo dell’Avana. La sua posizione determina l’area che la Plaza e la Villa de San Cristóbal de La Habana occuparono all’inizio dalla sua fondazione e che fu perpetuata prima dall’albero ceiba commemorativo, poi dalla pietra nella colonna cagigale e poi dal tempio neoclassico e dal suo tele interne.

Ceibas del Templete.

Sotto un albero di ceiba è stata celebrata la prima messa e anche il primo consiglio a San Cristóbal de La Habana. L’albero di ceiba è un elemento simbolico per la città.
Il passare del tempo, che termina tutto, si è concluso con il primo ceiba, testimone dell’evento. Ecco perché, tra il 1755 e il 1757, tre ambienti furono piantati nel punto in cui era stata localizzata. Due di loro furono essiccati e il terzo fu tagliato nel 1827 per costruire El Templete.
Un anno dopo, furono piantati altri tre alberi kapok e solo uno riuscì a sopravvivere fino al 1960, il che si traduce in 131 anni.
Salvare quel ceiba centenario è stato uno sforzo collettivo. Sono stati prelevati campioni del tessuto dell’albero per l’analisi, hanno rotto il recinto di pietra attorno ad esso perché ha compresso le sue radici e è stato applicato un siero idroponico arricchito di ormoni.
Come una persona cara, i rami e i rami secchi furono segati, così come quelli che si affacciavano sul mare, per evitare la penetrazione del sale; e l’intero albero fu fumigato con una pompa ad alta pressione e basso volume. Nonostante tutti gli sforzi, non è riuscito a riprendersi.
Nello stesso anno, nel 1960, ne fu piantato un altro che visse fino al 2016. E in quello stesso anno, un ceiba di 15 anni fu trapiantato da Las Terrazas ad Artemisa, che è quello che si può vedere oggi nel Templete.
Girare tre volte l’albero di ceiba, toccarlo, abbracciarlo e persino baciarlo attira prosperità. È ciò che segna la tradizione che donne e uomini condividono e che mostra il marcato sincretismo dopo l’incontro tra culture spagnole e africane.
Succede ogni 15 novembre, a mezzanotte, la gente dell’Avana celebra un nuovo anniversario della fondazione della città, fa tre volte intorno all’albero di ceiba ed esprime un desiderio.

The Cagigal Column.

Nel 1754, in ricordo di quella prima messa, il governatore dell’isola, Francisco Cagigal, fece erigere una colonna commemorativa. La colonna ha tre facce che rappresentano la divisione territoriale in tre province della colonia. Nella parte superiore un’immagine della Virgen del Pilar.
In esso erano scritti due testi, uno in latino e l’altro in antico castigliano. Quest’ultimo disse: La città (oggi città) dell’Avana fu fondata nell’anno 1515, e quando si spostò dalla sua sede originale alla riva di questo porto nel 1519, è tradizione che un albero di ceiba verde fu trovato in questo luogo sotto il che fu celebrata la prima messa e consiglio: rimase fino a quello del 1753 che fu sterilizzato. E per perpetuare la memoria, il nostro monarca cattolico, il signor Dn, governava la Spagna. Ferdinando VI, ordinò di erigere questo registro Mr. Mariscal de Campo Dn. Francisco Cagigal de la Vega, dell’ordine di Santiago, governatore e capitano generale dell’isola, in qualità di procuratore generale dott. Dn. Manuel Phelipe de Arango.

Anno del 1754.

L’iscrizione latina fu sostituita nel 1903, quando la colonna fu restaurata, da un’altra il cui testo è una versione di quella vecchia e dice: Ferma il passo, camminatore; Questo sito è adornato da un albero, un ceiba verdeggiante, piuttosto dirò un segno memorabile della prudenza e dell’antica religione della giovane città (…). L’incontro dei consiglieri prudenti si è tenuto per la prima volta più di due secoli fa: è stato preservato da una tradizione perpetua; tuttavia cedette al tempo. Guarda, quindi, e non lasciare che la fede dell’Avana perisca in futuro. Vedrai un’immagine fatta oggi nella pietra, cioè l’ultimo novembre 1754.
Nel 1827, visto il deterioramento della colonna, il governatore e il capitano dell’isola, don Francisco Dionisio Vives y Planes, conte di Cuba, decisero di restaurarla e di costruire anche un monumento più grande. Per questo, il consiglio comunale dell’Avana ha concordato il recupero della colonna e dei suoi dintorni.

Monumento a El Templete.

Nello stesso anno iniziò la costruzione del monumento, che ricevette il nome di Templete. La colonna fu posta su quattro gradini circolari in pietra e l’immagine della Virgen del Pilar fu sostituita da una dorata in fiamme.
In occasione della costruzione del Templete, fu collocato un busto in marmo, con il suo piedistallo, del primo governatore dell’Avana Hernando de Soto. All’interno del recinto chiuso dalle porte che circondano il Tempio, erano inclusi quel busto, l’albero di ceiba e la colonna di Cagigal.

Ma comunque, com’è El Templete?

El Templete è il più piccolo e meno attraente degli edifici che circondano la Plaza de Armas e allo stesso tempo la prima opera civile di natura notoriamente neoclassica che l’Avana ebbe.

Facciata.

La sua facciata è costituita da un portico con colonne doriche che sostengono un fregio decorato e un potente frontone al centro del quale è un’iscrizione che commemora l’inaugurazione.
La facciata rimossa presenta lesene con capitelli dorici in corrispondenza delle colonne del portale; Il suo tetto è piatto, con un’ampia cornice e l’edificio è elevato su un gradino perimetrale con tre gradini in pietra Jaimanitas. I pavimenti interni sono in marmo.
Elementi preziosi dell’ensemble sono anche la recinzione della lancia di ferro rifinita in punti di bronzo, con pilastri sormontati da tazze con pigne, che introduce un tocco tropicale nella concezione neoclassica.

Interni.

All’interno ci sono tre tele dipinte da Jean Baptiste Vermay de Beaume, fondatore dell’Accademia di disegno e pittura di San Alejandro, autentiche testimonianze dell’inaugurazione dell’edificio e della fondazione della città e della prima messa celebrata ai piedi della prima ceiba : La prima messa sotto il memorabile albero di ceiba (1826) e la solenne festa religiosa celebrata dal vescovo Espada, in occasione dell’inaugurazione del tempio, sono due degli oli che si possono vedere lì.
Sulla strada per L’Avana, assicurati di visitare questo luogo che conserva l’essenza dell’Avana.

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .