Teatro cubano

Teatro cubano
La prima opera riconosciuta nel teatro cubano è "Il principe giardiniere e finto cloridano" di Santiago de Pita e Borroto, che è stato curato tra ...

Il Teatro cubano, le maschere e le emozioni

Il teatro, una manifestazione artistica che muove emozioni e pensiero, ha la sua storia ed evoluzione sulla più grande isola dei Caraibi.

Risale a secoli nel mondo e anche a Cuba, dove si sperimentano e si cercano nuovi orizzonti verso altre manifestazioni. Così appare il balletto-teatro; riviste di teatro-danza e musica. Anche lo sforzo di consolidare il teatro lirico è considerevole.

Anche i gruppi umoristici hanno già il loro evento annuale e altri che usano opere classiche del teatro universale e altri generi come il docudrama. Il teatro a Cuba ha una storia affascinante piena di sfumature, protagonisti e personaggi che vi invito a conoscere, è un altro dei tesori dell’isola.

Origine del teatro cubano

Los areítos, la prima manifestazione del teatro a Cuba.

Molti riconoscono che gli areiti sono la massima espressione della cultura aborigena cubana, una parola che significa provare o recitare. In essi venivano il canto, la danza, la poesia, la coreografia, la musica, il trucco, la pantomima organizzata dalla tequina o coreografa, insegnante, artigiano o esperto.

Questi riti hanno visto la nascita dei primi poeti, attori e musicisti cubani, in una rappresentazione artistica piena di elementi religiosi che alludevano alle loro storie, alla tribù, alla loro identità e all’ambiente.

Erano narrazioni storiche che raccontavano le principali azioni e gesta di capi e signori, nonché eventi quotidiani legati alla fecondazione e ai nuovi raccolti.

Non avevano un posto o un teatro come accadeva con altre culture aborigene, avvenivano nel batey, che era la piazza o nel caney che erano le loro case.

Le loro danze, in fila o in cerchio, o in un angolo con la linea di ballerini e il trucco dei ballerini-attori, realizzate con piume e fiori, con i loro corpi dipinti in rosso e nero, erano di per sé uno spettacolo.

La musica veniva suonata con un tamburo, fatto di legno, chiamato mayohuacán, e trombe primitive (guamos) formate da grandi lumache di mare, maracas elementari, flautillas e una specie di sonaglio, costruito con conchiglie univalve, che usavano su braccia e gambe.

Le voci dei ballerini, la danza, il bere e la musica, hanno raggiunto un entusiasmo condiviso da tutti e attraverso il quale è stato raggiunto un ambiente favorevole alla celebrazione dei riti religiosi e alla gioia della tribù. Con l’arrivo degli spagnoli e la scomparsa degli aborigeni, gli areiti scomparvero.

Corpus Christi

La colonizzazione pose fine alla vita aborigena e portò il teatro a continuare il suo corso questa volta con i patroni portati dalla Spagna. Le feste cristiane del Corpus Domini, risalenti al 1520, furono il primo esempio.

Furono anche chiamati feste automobilistiche a causa della presenza di carri che trasportavano i finti auto, accompagnati da musica, canzoni e balli.

Il pioniere del teatro si chiamava Pedro de Castilla che nel 1520 tirò fuori una danza del Corpus, e per lungo tempo parlò del suo lavoro nell’organizzazione di calzolai, fabbri, carpentieri e calafati in modo che macchine e abiti, cioè scenari e costumi, così come tutte le macchine teatrali e le invenzioni di tramoya, sii pronto.

Poi vennero Juan Pérez de Bargas e Jorge Ortiz, che riuscirono a vincere l’Avana alla presenza di musicisti di fiati e archi che rallegrarono i festival pubblici, non solo quello del Corpus Domini ma anche quelli di San Cristóbal, San Marcial e San Miguel. .

Parallelamente al Corpus Domini, anche gli schiavi neri iniziarono a presentare le proprie dimostrazioni di tipo cerimoniale. Erano organizzati dai consigli, semplici rappresentazioni di automobili profane mostravano la forza delle culture africane.

Prima rappresentazione teatrale e primi teatri.

La prima opera riconosciuta nel teatro cubano è “Il principe giardiniere e finto cloridano” di Santiago de Pita e Borroto, che fu pubblicato tra il 1730 e il 1733 a Siviglia. Lontano dalla realtà cubana, allude a galanti cavalieri.

È il primo testo drammatico cubano e l’anticamera della scena popolare cubana che ha anche dato origine al teatro come istituzione tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo.
Nel 1775 apparve il teatro del Colosseo e nel 1838 fu inaugurato il teatro Tacón, ora García Lorca.

Poi arrivarono l’opera italiana e lo zarzuela e il teatro drammatico fu consegnato alle grandi compagnie spagnole. Gli artisti cubani sono andati nei teatri più umili e popolari.

I piccoli diavoli

La vita stessa della comunità di schiavi, le sue lotte e i desideri proibiti, così come il sincretismo, hanno gradualmente dato origine a cerimonie in cui rappresentavano tutto.

Il Three Kings Day ha portato i piccoli diavoli, uno dei personaggi più significativi del teatro cubano. C’erano il culonna o il saggio, l’Egungun, il mojiganga, il kokoríkamo, il peloso, i nani, l’anaquillé, l’antenato dei burattini con le verghe, i mamarrachos e il serpente.

Teatro delle relazioni

In poche parole era il teatro di strada. Erano scene drammatiche, in cui venivano recitati decimi e cantavano canzoni, che i neri liberi si esibivano per ottenere qualche soldo dai loro padroni bianchi.

Un teatro di strada con satira, cori, critiche con gruppi di possibili influenze di Mandinga e Conga.

È stato rivitalizzato dal Cabildo Teatral de Santiago, fonte di creazione nazionale, alla ricerca dell’espressione popolare e della cultura popolare tradizionale.

Il teatro cubano del 19 ° secolo ha portato il negrito.

In soli trent’anni sorge il teatro cubano. Covarrubias ha inaugurato il genere vernacolare e negrito e subito dopo sono comparsi i drammaturghi e il romanticismo.

È stato un periodo fertile perché la commedia ha guadagnato terreno, il melodramma ha affrontato gravi conflitti, sono stati costruiti nuovi teatri, sono state organizzate compagnie e si sono esibiti eccellenti attori nazionali.

Cuba divenne una piazza teatrale del primo ordine, ma con la discriminazione e la censura dell’artista cubano, iniziò la lotta teatrale che mosse i primi passi verso la nazionalità cubana.

El negrito

Per conoscere bene il significato e l’importanza di questo personaggio, è necessario sapere che sono stati gli autori bianchi a creare il negrito, che era rappresentato da attori bianchi, per il pubblico bianco, che recitava in spagnolo o museruola (la lingua parodiata), e mostrando sempre il punto dal punto di vista della cultura degli schiavi.

Fu Francisco Covarrubias che lo rappresentò molte volte, cantando e ballando nello stile della sua nazione. Covarrubias diventa il decano degli attori per aver gettato le basi del genere vernacolare e per aver trasformato i personaggi popolari in creolo e aver dato continuità alla cattura.

Altri autori fondamentali del XIX secolo per il teatro cubano.

José María Heredia: ha completamente cambiato la scena teatrale. Ha lasciato dieci opere teatrali e piani e progetti, note ed estratti da altre dieci. Fu il primo degli autori cubani a impegnarsi politicamente e usò il teatro come arma contro la Spagna e il primo drammaturgo americano che cercò di scrivere sulla lotta indigena contro la conquista.

José Jacinto Milanés: le sue opere riflettono la realtà immediata, il paesaggio cubano e gli uomini umili. Opere semplici e creole con lingua cubana, tra cui Ojo a la finca e El mirón cubano.

La Avellaneda: Ha lasciato venti opere tra tragedie, commedie, drammi, adattamenti e pezzi in un atto. Il suo teatro porta all’incitamento biblico-cristiano, alla grandezza ispanica e al sentimentalismo.

Autori e opere significative nel teatro cubano del 20 ° secolo

Il 20 ° secolo ha aperto le possibilità per il talento e la creatività.Il lavoro di Virgilio Piñera, Carlos Felipe, Rolando Ferrer e Paco Alfonso era allora noto.

Il teatro individualista per i suoi budget e le sue soluzioni, ha elevato il linguaggio teatrale al di sopra di quanto fatto prima e si separa dal teatro vernacolare senza rinunciare alla ricerca di Cuba.

Il 1959 portò cambiamenti radicali nel teatro di Cuba a causa della possibilità di anteprime, i diversi gruppi teatrali e il lavoro del Seminario di Drammaturgia del Teatro Nazionale, che portarono tutti alla nascita di un gruppo di autori di opere consacrate.

Abelardo Estorino: Era il drammaturgo più importante della cultura cubana. Ha vinto il Premio della critica con il suo libro Teatro nel 1985, in cui ha collezionato le sue opere più importanti fino ad oggi ed è stato il Premio Nazionale di Letteratura per il suo lavoro.

José Triana: vincitore del Premio Casa de las Américas e autore di opere come Medea allo specchio, The Fraternity Park e The Angel’s Visit, The Death of ñeque e The Night of the Assassins.

Antón Arrufat: National Literature Prize, un altro drammaturgo rilevante. Ha concepito opere come Il pollo vivo, I giorni interi, L’ultimo treno e I sette contro Tebe, Premio UNEAC 1968.

Il teatro oggi

Attualmente ci sono centinaia di teatri a Cuba e i gruppi fanno in modo che le Crociate teatrali si spostino in aree complesse in tutto il paese.

Versioni aggiornate sono presentate, adattate e dirette dai loro autori o da altri, poiché hanno segnato un momento importante nello sviluppo di questa manifestazione artistica e sebbene vi sia una forte tradizione teatrale, non è sufficientemente estesa in tutto il paese.

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .