Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario

Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario
La Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario ha, tra le sue varie formazioni vegetali, sempreverde, semi-deciduo, pino, cuabal, complesso di mogote

Dove si trova la Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario?

Uno dei siti che si distingue per la bellezza naturale dell’ambiente a Cuba, per la sua flora, fauna e conservazione è la Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario. È un luogo che puoi visitare mentre attraversi Cuba, ti invitiamo a conoscere i dettagli di questa zona che è stata dichiarata dalla Riserva della Biosfera dall’UNESCO il 15 febbraio 1985.

Situata nella zona più occidentale dell’isola di Cuba, La Sierra del Rosario si estende per la maggior parte nella provincia di Artemisa e custodisce la più alta altitudine nella parte occidentale di Cuba, conosciuta come Pan de Guajaibón con 692 metri di altezza. La sua estremità occidentale, invece, si trova nella provincia di Pinar del Río, il Loma de Seboruco.

La Sierra è la parte orientale della Cordillera de Guaniguanico che prosegue verso ovest a Pinar del Río nella Sierra de los Órganos, nella sua totalità comprende aree di diversi comuni: Artemisa, Bahía Honda, Candelaria e San Cristóbal.

Alcuni aspetti interessanti sulla zona.

La regione occupata dalla Sierra del Rosario fu abitata durante la preistoria dai gruppi mesolitici, siboneyes pre-agrofood, che sfruttarono le sue grotte e caverne per vivere.

Le opere svolte dagli archeologi hanno rivelato diversi siti interessanti per il loro valore storico e che misurano tutto ciò che è accaduto in quel momento.

Secondo quanto indicato nei libri ufficiali, fu nel XVII e XVIII secolo che il massiccio insediamento dei coltivatori di caffè francesi ebbe luogo da Santo Domingo e Louisiana, dagli Stati Uniti e da altre colonie francesi nei Caraibi.

Di conseguenza, per la prima metà del XIX secolo divenne una delle aree di coltivazione del caffè più floride dell’intera isola.

Questo insediamento portò con sé anche i progressi agroindustriali che influenzarono l’architettura coloniale con un marcato stile francese di gusto squisito.

Dopo il 1959 altri cambiamenti arrivarono nella regione. È stata creata una comunità, in particolare Las Terrazas, oggi molto visitata dal turismo internazionale e dove ci sono hotel dove trascorrere una magnifica vacanza.

Luogo di notevole interesse ecologico, per tutte le sue ricchezze naturali, la prima Riserva della Biosfera a Cuba istituita dall’UNESCO è stata dichiarata nel 1984.

È tra le Aree Protette del Paese per la sua importanza ambientale, poiché le aree centrali sono situate nelle altezze della Sala e per le Peladas, tutte chiamate rispettivamente RISERVE ECOLOGICHE E NATURALI, secondo le categorie con le quali vengono lavorate le Aree Protette a Cuba.

La Sierra del Rosario, un luogo riservato dalla natura

La Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario è considerata un luogo molto importante a Cuba, non solo perché è la prima area del paese dichiarata Riserva della Biosfera, ma anche perché dal punto di vista della ricerca consente l’accesso alla migliore conoscenza della flora e fauna e una vasta gamma di progetti ambientali sono stati applicati nella zona.

Per questo motivo, molti lo considerano un laboratorio ecologico e perché le loro comunità convivono armoniosamente, con la cura e la conservazione richieste.

Come sono i terreni nella Sierra del Rosario?

Da un punto di vista geologico, l’area in cui si trova è un’area complessa, secondo gli studiosi della materia. Prevalgono calcari e carso.

Le rocce serpentine sono nella parte più occidentale, predominano le rocce calcaree dure, nelle formazioni Artemisa e Polier. È anche possibile trovare il Carso. Per quanto riguarda i suoli, i più comuni sono ferralitici e marroni, oltre all’argilla e al terriccio sabbioso.

Il tempo a La Sierra del Rosario

La vegetazione esuberante dell’area rende il clima della Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario piuttosto mite rispetto al resto dell’isola. Ciò è stato stabilito grazie ai dati archiviati da oltre 25 anni di studio.

Si è constatato che la temperatura media durante tutto l’anno è di 24,4 gradi Celsius. I maggiori sbalzi di temperatura si verificano nei mesi di novembre e febbraio. I più caldi sono luglio e agosto con una media di 27 gradi Celsius e il dicembre più freddo con una media di 21,3.

Per la sua posizione geografica, è una delle aree più colpite da uragani, cicloni e fronti freddi e piogge abbondanti danno una media di 2013,9 millilitri. Il mese più piovoso è giugno e il mese più secco è dicembre, l’umidità relativa media è del 95 percento, La più alta piovosità si verifica tra maggio e ottobre.

Nei mesi asciutti c’è anche una probabile riserva d’acqua sotto forma di nuvole basse o nebbia per la sussistenza degli organismi viventi durante questa fase di meno pioggia.

Gli alisei esercitano la loro influenza E-NE predominante. Inoltre, possiamo aggiungere che il tipo bioclimatico può essere classificato in Euthermaxérico di tipo sei.

Comunità nella Sierra del Rosario

Nella Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario, data la sua vasta geografia, la popolazione non è estesa. Secondo i dati ufficiali, oltre 5.000 persone vivono nelle comunità di tutta la Sierra, ma sono principalmente raggruppate nella comunità “Las Terrazas” e altre 7 più piccole e isolate, inserite nel paesaggio naturale della Sierra.

Le case sono state generalmente costruite in armonia con la loro storia e non alterano l’ambiente, con tipiche piastrelle creole.

Flora nella Sierra del Rosario

La flora in generale ha un totale di 889 organismi vegetali, raggruppati in 608 piante superiori e 281 piante inferiori. Esiste un genere endemico e monotipico di Pinar del Río, tipico del luogo: Phyllomelia (Rubiacea), documentato in tutto il mondo solo per Cajálbana e Sierra del Rosario.

Elemento distintivo della Sierra del Rosario, la vegetazione è molto varia, dove predominano foreste di pini, foreste semi-decidue e foreste tropicali e includono macchia xeromorfa.

Nell’area c’è un endemismo del 34 percento, una cifra molto alta, in generale il numero di specie vegetali è vicino a 889.

La più diffusa è la foresta tropicale sempreverde, con alberi alti circa 40 metri e coincidenti in caratteristiche con le foreste neotropicali.

Nella Sierra si trova la palma da sughero, una pianta che è considerata un vero fossile vivente, possiamo vederli sui ripidi pendii dei mogoti.

Nel giardino botanico delle orchidee di Soroa, da non perdere lungo la Sierra, c’è un’importante collezione di orchidee, alcune esclusive di Cuba e altre esotiche.

La fauna nella Sierra del Rosario

La fauna che abita la riserva è tipica della regione occidentale di Cuba. Tra questi spiccano gli uccelli, come il mulattiere, l’uccellino, gli aironi e lo zunzuncito.

Tra i rettili che sono stati identificati ci sono 16 specie, di cui 12 indigene.

Alcune di queste specie sono la lucertola di fiume, esclusiva della zona e quindi in via di estinzione, e il majá de Santa María, un tipo di boa constrictor che può misurare fino a 6 metri.

E i mammiferi sono rappresentati dalle hutie, che sono le più popolari e allo stesso tempo le più minacciate dalla caccia indiscriminata al consumo alimentare e si possono trovare anche ratti, manguste e furetti. La famiglia più numerosa è quella dei pipistrelli con almeno una dozzina di specie.

Molte specie di uccelli migratori sono osservate nella Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario, una delle quali predomina è lo stridio e Tocororo si trova anche in abbondanza.

C’è la possibilità di trovare alcuni cervi. Questi furono introdotti nel 17 ° secolo e adattati molto bene senza danneggiare l’ecosistema. Questi splendidi animali sono permanentemente chiusi.

Gli anfibi accumulano invece 12 specie uniche dell’isola e tra queste la più piccola rana esistente. C’è un’immensa varietà di molluschi e insetti.

Idrografia di La Sierra del Rosario.

Nella zona occupata dalla Sierra del Rosario ci sono fiumi, torrenti e anfratti, alcuni dei quali sono ampiamente riconosciuti per la loro bellezza e le acque medicinali.

Il fiume più importante è San Juan, anche se viene anche considerato Bayate, considerato un burrone, San Claudio, San Francisco, La Pastora e Pedernales.

Il fiume San Juan ha diverse piscine naturali che vengono mantenute anche in periodi molto secchi. Ci sono anche quattro torrenti e canyon: Bayate, San Francisco, San Claudio e Santiago, dove è stata dimostrata l’esistenza di acque minerali medicinali.

Il Salto de Soroa, a circa 22 metri di altezza, i Baños del San Juan e La Joven Niagara si distinguono per la loro bellezza naturale. Puoi trovare diversi laghi artificiali, tra cui spiccano il Lago el Palmar, il Lago San Juan e San Francisco.

Economia nella Sierra del Rosario

L’economia locale in primo luogo dedica i suoi più grandi sforzi all’industria del caffè, hanno anche una polveriera ecologica del grano. Il Cafenal Buenavista si distingue, il primo di grande importanza nel Nuovo Mondo, che risale al 18 ° secolo ed è attualmente completamente restaurato, essendo una grande attrazione per il turismo.

Indubbiamente, un’altra delle più importanti fonti di reddito per l’economia locale nella Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario è il campeggio, il turismo ecologico e la fotografia della fauna selvatica. I turisti che scelgono l’area in cui riposare possono scegliere l’hotel “La Moka” o le case private dei locali.

Nel turismo sono il complesso “Las Terrazas”, “Villa Horizonte Soroa” e le basi del Campismo, “La chorrera”, “El taburete” e “La Caridad”.

Viene aggiunto tabacco, una produzione destinata a produrre sigari di fama mondiale.

Oltre a questi tre fondamenti, il legno viene estratto a fini commerciali e redditizi e viene praticata l’allevamento di bovini e suini.

Un elemento che ha contribuito in modo significativo al degrado del suolo è la combustione e la combustione degli alberi e la costruzione di fornaci a carbone.

Riforestazione in La Sierra del Rosario

Nell’ambito delle azioni di conservazione della Sierra del Rosario sono previsti piani di sviluppo e riforestazione. Uno dei più importanti, essendo l’iniziatore di questa impresa, è il piano di sviluppo socio-economico della Sierra del Rosario del 1968.

Il piano prevedeva il rimboschimento di 5 000 ettari con specie autoctone, nonché la creazione di un sistema di terrazze a piattaforma costante per controllare l’erosione del suolo.

Comprendeva anche la costruzione di strade per l’accesso all’area e la creazione di una comunità per concentrare gli abitanti isolati dell’area e poter così garantire servizi di base per istruzione, cultura, salute, sport, attività ricreative e lavoro.

Sono stati condotti studi sulla struttura, il funzionamento, la composizione e la rigenerazione delle foreste sempreverdi e nel 1985 è stata creata la Stazione ecologica della riserva, che garantisce lavoro scientifico e allo stesso tempo introduce, generalizza e coordina le attività di educazione ambientale.

Tutte queste attività hanno portato al raggruppamento di oltre cento nuclei familiari sparsi in tutta la regione, sono stati costruiti quasi trenta chilometri di strade asfaltate e sono state costruite più di cento strade principali e secondarie.

Con lo sforzo, è stato possibile creare sessanta chilometri di terrazze e piantare più di sei milioni di alberi di legni preziosi, ridurre il degrado del suolo del 10%, l’impatto sulla copertura forestale del 50% e la perdita di terra del 40%. di biodiversità. Ci sono anche piani annuali quinquennali per il rimboschimento e il Corpo dei Ranger lavora stabilmente per monitorare l’area.

Altre attività per la conservazione di La Sierra del Rosario.

È stato avviato un progetto turistico nella Riserva della biosfera della Sierra del Rosario che si basa sulle relazioni armoniose tra la popolazione, le attività quotidiane che svolgono e l’ambiente.

Tutte le azioni produttive, economiche, sociali e scientifiche sono organizzate e regolamentate e vengono elaborate strategie per garantire lo sviluppo sostenibile dell’area. Anche i rifiuti solidi generati dall’attività turistica vengono raccolti, classificati e riciclati.

Nella Sierra tutti gli stabilimenti hanno il trattamento dei rifiuti liquidi. L’approvvigionamento idrico proviene da un pozzo profondo ed è trattato con clorazione controllata.

La ricerca è incoraggiata su temi come la conservazione in situ dell’agro-diversità, il salvataggio e la conservazione delle risorse genetiche vegetali per contribuire alla sicurezza alimentare, allo sviluppo endogeno e sostenibile delle comunità.

I programmi di educazione ambientale coinvolgono scuole e comunità, insegnanti, studenti, leader della comunità vengono formati e vengono condotti scambi di esperienze a livello scientifico e comunitario, nonché la successiva diffusione sulla stampa locale e nazionale.

Per i risultati raggiunti in tutti gli sforzi per conservare e gestire le risorse nella Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario, gli è stato assegnato il Premio Nazionale per l’Ambiente il 5 giugno 2001.

La Riserva della Biosfera della Sierra del Rosario è un esempio di gestione sostenibile adeguata e completa, la prova che l’uomo e l’ambiente possono coesistere approfittando l’uno dell’altro

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .