Religione a Cuba

Religione a Cuba
Il sincretismo religioso a Cuba o la religione a Cuba è stato il prodotto di scambi culturali tra i vari popoli che hanno interagito di conseguenza

Religione a Cuba, diversità di credenze.

Uno dei meravigliosi tesori di Cuba è la sua religione. Sull’isola c’è una diversità di credenze, tutte mescolate, tutte separatamente, tutte influenzate. Ognuno esprime la propria convinzione, poiché esiste la libertà sostenuta dalla forza legale e sociale.

In generale, Cuba è un paese cattolico con una grande influenza sulle credenze lasciate in eredità dagli africani. In effetti, il cattolicesimo è fortemente modificato e influenzato dal sincretismo.

I cattolici secondo gli studi costituiscono il 60 percento della popolazione, essendo questa la religione più professa. L’undici percento si identifica con le credenze africane, il cinque percento protestante, tra cui battisti, pentecostali, testimoni di Geova, avventisti del settimo giorno, presbiteriani, anglicani, episcopali, metodisti, quaccheri e luterani.

Altri gruppi più piccoli includono la Chiesa greco-ortodossa, la Chiesa ortodossa russa, i musulmani, gli ebrei, i buddisti, i bahais e i mormoni.

Convivono senza la necessità di controversie o discriminazioni, anche quando ognuno cerca di difendere la verità. Soprattutto le divinità regnano La Beata Vergine della Carità di El Cobre, Patrona di Cuba, con un bellissimo santuario costruito nel suo nome e che riceve migliaia di visite all’anno da gente del posto e stranieri che cercano la sua benedizione.

Prima del 1959 Cuba aveva una profonda vita religiosa, sempre con il cattolicesimo in prima linea. Tutti i festeggiamenti sono stati celebrati secondo il calendario, con Natale ampiamente accettato.

Comunque dopo quella data tutto è cambiato. Ci fu silenzio e assenza nelle chiese per molti decenni, il governo stesso fece tacere la fede. Nonostante ciò, la gente non ha smesso di credere, non si può dire che ci sia una popolazione ateistica a Cuba.

Sincretismo religioso.

Il sincretismo religioso a Cuba è stato il prodotto di scambi culturali tra i vari popoli che hanno interagito a causa della schiavitù. Fu tra gli anni 1801-1865 quando si verificò il più grande arrivo di schiavi a Cuba.

Costumi, cultura e ideologie furono portati via da loro e quindi furono costretti a salvare in qualche modo le loro tradizioni. A loro fu proibito di praticare la loro religione, furono costretti a riverire i santi cattolici, così iniziarono a nominarli come i loro stessi idoli.

Se vuoi conoscerli tutti, ti invitiamo ad ascoltare E cosa vuoi che ti diano, da Caballero del Son Adalberto Álvarez, un esempio vivente di questo processo.

Religione di Yoruba o Santeria.

La santeria sorse e si sviluppò dalle tradizioni dello Yoruba, i neri africani portarono a Cuba dal processo di schiavitù. Mescola elementi del cristianesimo e delle credenze dell’Africa occidentale e come tale ha permesso agli schiavi di mantenere le loro credenze tradizionali mentre praticavano il cattolicesimo.

Oshún, La Beata Vergine della Caridad del Cobre è una vergine mambisa.

Cachita, Patrona di Cuba.

La Vergine della Carità del Cobre, Nostra Signora della Carità o Cachita, è la patrona cattolica di Cuba dal 1916, molto venerata dal popolo cubano e costituisce un simbolo dell’isola.
Ha il suo giorno nel calendario liturgico l’8 settembre e il suo santuario si trova a El Cobre, a Santiago de Cuba.

Lì migliaia di persone la visitano, la pregano e mantengono le loro promesse dopo essere state guarite da una malattia o aver raggiunto un obiettivo importante nella loro vita.

Queste promesse possono variare dall’offrire candele o fiori, i capelli o gli indumenti di una persona, medaglie, inginocchiarsi lungo la lunga scala o camminare a piedi nudi dalla città di Santiago al santuario, a circa 24 chilometri.

Questo santuario è stato visitato da tre Papi: Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco rispettivamente nel 1998, 2012 e 2015.

La Vergine mambisa.

Un’altra delle sue sfaccettature è apparire come la Vergine mambisa perché durante gli exploit dell’indipendenza, i cubani si sono affidati a lei. Dicono che la sua immagine che ha presieduto il secondo altare nella chiesa di Santo Tomás a Santiago de Cuba sia stata portata nella boscaglia e poi tornata al suo posto.

Furono proprio i veterani di queste guerre che chiesero al Papa di dichiarare il suo santo patrono di Cuba. Molti di questi uomini andarono a pagare le loro promesse a Copper e ringraziarono per la guarigione delle loro ferite.

Oshún

A Santeria, la carità è sincronizzata mangia Oshún. L’importante festa religiosa de “La Vergine della Caridad del Cobre” viene celebrata in un ottavo giorno dell’era cubana, ed è ambientata lo stesso giorno della Divina Dea. Regina delle acque dolci del mondo, ruscelli, sorgenti e fiumi, incarna l’amore e la fertilità e si rivolge a lei per aiuto in materia monetaria.

Il suo colore è giallo e il suo metallo è bronzo. La danza di Oshún è sensuale, scuote le braccia per suonare i suoi braccialetti e sottolineare il suo fascino. Mentre balla, chiede agli uomini il sesso e chiede il miele, se salvate il verso del naso che è entrato nel lei.

Della religione Yoruba, le Orishas più popolari.</ H2>

Eleggua: custodia delle vie, è colui che per primo viene invocato prima dell’inizio di qualsiasi rituale e i suoi colori sono neri e rossi. Punisce coloro che non lo sono, gli vengono attribuiti i numeri 3 e 21.

Obatala: Creatore del mondo, padre di tutti gli orisha e ha dato il ritmo. I suoi numeri sono 8 e 16 e gli viene attribuito il colore bianco. È sincronizzato con Las Mercedes.

Yemayá: regina dei mari e protettrice delle madri. È sincronizzato con la Virgen de Regla, il suo numero è 7 e i suoi colori sono blu e bianco.

Oshun: i suoi colori sono giallo e oro e il suo numero 5, regina dei fiumi, laghi e oro. È syncretizzato con la Vergine della Carità.

Chango: è sincretizzato con Santa Barbara, i suoi colori rosso e bianco. Dio di virilità e forza, rappresenta la sessualità e il suo numero è 4 e 6.

Oggun: creato con machete, martelli o altri strumenti in ferro e metallo. Diede del ferro e dei minerali, iniziò la guerra, e il suo colore era nero e verde e il suo numero era 7.

Babalú Ayé: sincronizzato con San Lazzaro, è il dio della malattia, protettore dei malati e degli animali e ha il potere di vedere il futuro. I suoi colori sono viola e carmelite, il suo numero 17.

Oyá: è sincronizzato con la Vergine della Candelaria e Santa Teresita. Dea dei fulmini e dei venti di forza dell’uragano, riceve i morti all’ingresso del cimitero. Il suo numero è 9 e il suo colore è carmelitano.

Questi erano solo alcuni riferimenti alla religione cubana. Quando ho visitato Cuba, ho potuto visitare un posto diverso se avessimo mostrato la ricchezza della cultura. Alcuni luoghi di interesse sono Il callejón de Hamel, il Santuario della Virgen del Cobre, El Rincón, La Virgen de Regla.

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .