Quale lingua è parlata a Cuba?

Quale lingua è parlata a Cuba?
Lo spagnolo è parlato a Cuba. La lingua ufficiale nella Repubblica di Cuba è lo spagnolo, chiamato anche spagnolo. La popolazione dell'isola la usa in un

Lo spagnolo è parlato a Cuba.

Quando scegli la tua destinazione turistica nei Caraibi, una delle opzioni è visitare la bellissima isola di Cuba. La Repubblica di Cuba, nome ufficiale, è un paese caraibico, un’isola, in America Centrale, la cui capitale e allo stesso tempo la città più popolosa è l’Avana. La sua popolazione raggiunge circa 11 milioni di abitanti e la sua lingua ufficiale è lo spagnolo.

Quale lingua è parlata a Cuba?

Cuba ha una lingua ufficiale: lo spagnolo. Lo spagnolo cubano è il più diffuso, parlato da oltre 11 milioni di nativi. Appartiene alla famiglia di lingue indoeuropee e al gruppo di lingue ibiche occidentali. È una variante della lingua spagnola e condivide numerose caratteristiche con altre varietà spagnole parlate nella regione.
L’intera popolazione parla spagnolo, ma si possono trovare anche altre lingue a causa degli insediamenti. In questo modo, il creolo haitiano è al secondo posto. Questa lingua è attualmente parlata dagli immigrati haitiani che sono venuti sull’isola durante la rivoluzione haitiana alla fine del XVIII secolo, i loro discendenti che l’hanno imparata.
Altre lingue che sono anche parlate nel paese in misura minore a causa della migrazione sono galiziana, corsa e catalana. Il catalano ha circa 3.500 oratori nello stato cubano.

Da dove viene questa lingua?

La lingua parlata oggi a Cuba deriva dallo spagnolo di Spagna, secondo cui un processo obbligatorio durante la colonizzazione ha messo radici a Cuba, un fatto comune in tutta l’America in base al potere che ha colonizzato ogni regione.
Gli specialisti dichiarano che la varietà di spagnolo parlato a Cuba è lo spagnolo cubano, che è un sotto-dialetto dello spagnolo caraibico. Tra la parte occidentale e quella orientale dell’isola vi sono lievi differenze di intonazione e vocabolario. Ha origine dagli spagnoli dell’Andalusia e, per la maggior parte, dalle Isole Canarie, con le quali ha più somiglianze. Inoltre, include il vocabolario delle Canarie, che si distingue dallo spagnolo standard, come le parole guagua (bus) o fajar (lotta).

Spagnolo oggi a Cuba.

Presenza aborigena nella lingua parlata a Cuba.

A Cuba come nel resto delle Antille, l’influenza linguistica degli indiani d’America mantiene la sua presenza. Molte di queste parole sono utilizzate attivamente nel linguaggio quotidiano, ecco alcuni esempi.
A: ajiaco, anón, arique, aura, bajareque,
B: batey, viti, bija, bohío, caimán,
C: caney, casabe, cimarrón, comején, cobo, conuco, curiel, cutarra,
F: fotuto, guajiro, guanabana, guanajo,
G: guararey, guasasa, guava, guayo, güije / jigüe, güira, amaca, jaba,
J: jagüey, jíbaro, jicotea, jimagua, jutía, majá, mamey, mangle,
M: manigua, manjuarí, totí, yagua,
Y: yarey, yuca
oltre ai contributi lessicali comuni allo spagnolo generale o anche ad altre lingue come:
chili, barbecue (inglese “barbecue”), batos (inglese “bat”),
capo, canoa, mogano,
Cayo (inglese “Cay”), Hurricane (inglese Hurricane),
mais, lamantino (lamantino), maracas,
papaia, savana, tabacco, squalo.

Cubanismi, un modo particolare di parlare spagnolo a Cuba.

I cubanismi sono espressioni o frasi argute che il cubano ha adattato e che usa nel gergo popolare, accompagnandole sempre con gesti, sguardi e il doppio significato che lo caratterizza, vediamo alcuni esempi.
Fula: persona traditrice o cattiva. Si riferisce anche al dollaro americano, un dollaro equivale a una bottiglia.
Aseré que volá: è una forma di saluto equivalente a come sei. È usato con persone conosciute sebbene alcuni gruppi lo generalizzino come un saluto abituale.
Cammina verso il mio amore: si riferisce a non avere preoccupazioni e fare ciò che vuoi. Significa anche camminare nudi.
Prendi la bottiglia: chiedi un passaggio sulla strada.
Lanciare una corda: aiutare qualcuno in qualsiasi area della vita.
Sia un punto: frase dispregiativa che si riferisce a chi non è rispettato o è estremamente nobile. Si riferisce all’infedeltà in alcuni casi
Palestinese: persona che proviene dalle province orientali, principalmente da Santiago.

Differenze tra est e ovest.

Sebbene lo spagnolo sia la lingua ufficiale del paese, esistono differenze nel modo di parlare tra coloro che vivono nelle diverse regioni del paese.
In Occidente esiste un modo particolare di intonare e articolare. Ad esempio, in Occidente, l viene cambiato in bec, pronunciando così pobla-vo per polvere e tak-ko per talco. In Oriente si dice coma per aver mangiato o omesso in posizioni intermedie e finali, come in etoy per soia e frutta per frutta.
Questo aggiunge la musicalità che viene data all’intonazione, molto particolare a Santiago de Cuba a causa dell’influenza haitiana e della lingua francese.

Quante lingue a Cuba?

Nonostante il fatto che lo spagnolo sia la lingua ufficiale di Cuba e ce ne siano altri che lo accompagnano, come quelli che ho già menzionato, secondo una ricerca sponsorizzata dall’International Institute of Linguistics (SIL) International, non una, ma cinque lingue sono comunemente parlate sull’isola. .
Ciò è possibile grazie alle comunità che mantengono la tradizione di continuare la lingua dei loro antenati. Queste lingue sono spagnolo, inglese, creolo haitiano, mandarino e Lucumí. Ma ci sono piccoli gruppi di giamaicani, caymaniani e cinesi.

Comunità che parlano altre lingue.

In particolare, vengono visualizzate diverse comunità che parlano altre lingue, ti invitiamo a conoscerle.
– Il quartiere giamaicano del comune di Baraguá, a Ciego Ávila, è uno di questi classificato come una piccola comunità di famiglie di lingua inglese provenienti da Giamaica, Barbados, Granada, Antigua, Saint Vincent e Nevis. Allo stesso modo, ci sono altri distretti simili a Holguín, Camagüey e l’Isola della Gioventù.
– La Chinatown dell’Avana è una delle più famose. Il mandarino è parlato lì, gli anziani mantengono vivi i costumi del paese asiatico e hanno persino il loro giornale scritto in questa lingua.
– A Cueto, Holguín c’è una comunità francese, o meglio creolo haitiano. Valido per chiarire che i coloni francesi sono emigrati dopo la rivoluzione haitiana con i loro schiavi a Cuba e che i loro discendenti hanno mantenuto in vita non solo la lingua ma anche la tomba francese, dichiarata patrimonio immateriale dell’umanità.
– Matanzas è la terra di Lucumí, derivata dal dialetto delle tribù Yoruba africane e appresa attraverso l’affiliazione alle credenze religiose.

Altre lingue:

Lingua di Lucumí.

Lucumí è una lingua utilizzata da una minoranza della popolazione. Ciò fu provocato dalla schiavitù, i neri yoruba portati dall’Africa nel corso del 18 ° secolo, che contribuirono con costumi, canzoni e la loro lingua. Tutto è stato mescolato nel processo chiamato transculturazione.
Questi schiavi yoruba hanno modellato la lingua, incorporando altre lingue bantu parlate dagli schiavi africani insieme alla lingua spagnola usata dagli schiavisti.
Lucumí è usato a Santerías, una religione fornita dai neri che provenivano da Nigeria, Benin, Ghana e Togo ed è usata esclusivamente come seconda lingua in modo liturgico, quindi non ha madrelingua.

Creolo haitiano.

Si stima che oltre 300 mila persone parlino creolo haitiano a Cuba. Ha le sue origini ad Haiti sebbene sia stata ereditata dall’isola nel triste processo di migrazione e schiavitù. Gli oratori creoli haitiani originali erano schiavi neri che emigrarono a Cuba durante la rivoluzione haitiana, insieme ai loro padroni francesi.
Poi altri sono venuti alla ricerca di una fonte di lavoro nel corso dei secoli come lavoratori occasionali nei campi di canna da zucchero. Erano sempre molto discriminati, tuttavia qualcosa è cambiato dal 1959, oggi hanno un programma radio creolo haitiano nella capitale.
Da loro viene il canto in intonazione quando si parla di persone della regione orientale, così come il passaggio da r a la fine dei verbi. Quindi dicono di mangiare per mangiare, saltare per saltare e così via.

Altre lingue straniere parlate a Cuba: galiziana e corsa

El Gallego.

Madrelingua spagnola parlata dagli abitanti della Galizia. È strettamente legato al portoghese e le due lingue sono derivate dal gruppo di lingue Ibic occidentale. Lì lo parlano oltre 4 milioni di persone. A Cuba, il galiziano è usato dagli espatriati che vivono nelle principali città del paese.

El Corso.

La Corsica è un’altra lingua portata dagli immigrati italiani. Proviene dalle regioni Corsica e Sardegna, rispettivamente in Francia e Italia, ma è strettamente legato alla lingua italiana, con i due che condividono il gruppo linguistico toscano. A Cuba è un’importante lingua straniera parlata da una significativa popolazione di espatriati italiani.

Un elenco di termini cubani che troverai utili quando comunichi:

Assorbente: popete, paglia
Ajustador: Attesa. Capo intimo da donna
Acere: amico, amico. “… cosa volerà?”
Baterías: batterie
Barra: contatore della barra
Bemba: labbra spesse
Bohío: casa di paglia in campagna
Bisne: Affari
Botella: Ride, chiedi un passaggio gratuito, autostop
Caballito: polizia con moto
Cache: eleganza
Carpeta: ricezione
Canilla: gamba molto sottile
Chavito: valuta liberamente convertibile (CUC)
Carro: auto, automobile.
Chamaco: bambino, ragazzo
Chofer: ogni persona che guida
Chicharritas: fette sottili di banana verde, fritte
Churre: terra
Divisa: prima del dollaro, ora CUC
Entronque: attraversamento
Está bueno ya!: abbastanza
Estar hecho: essere in una buona situazione
Frijoles: fagioli
Frio: frigorifero
Fufú: purea di banana bollita
Fula: dollaro o CUC
Guajiro: contadino.
Gomas: ruote per auto.
Gallegos: spagnolo.
Guagua: autobus
Gringo / ga: straniero, in particolare inglese [/ one_half] [one_half_last] Guarapo: bevanda a base di canna da zucchero
Guanikiki: argento, denaro
Jinetera: prostituta.
Maní: arachidi
Mata: albero o verdura
Medio: moneta da cinque centesimi
Mediotiempo: di mezza età
Mijita o mija: modo amorevole di chiamare qualcuno
Mojito: cocktail cubano
Maquina: macchine americane degli anni ’50, conosciute anche come Almendrón.
Niche: persona di colore
Papaya: Bomba Fruit o Female Sex Organ
Pincha: lavoro, occupazione
Piquera: Stop.
Parqueo: parcheggio, parcheggio.
Pepes: stranieri.
Pajaro / Uccello: gay.
Pelota: baseball.
Stack: tocca.
Paladar: servizio di catering (spesso in soggiorno).
Síper: chiusura con zip
Son: musica da ballo popolare, proveniente dalla vecchia provincia orientale
Socio: amico
Timón: volante per auto.
Tomar: bevi.
Trusa: costume da bagno.
Trigueña: dalla pelle scura
Vaucher: voce.
Yuma: all’estero

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .