Castello di Salcedo

Castello di Salcedo
La costruzione del Castello di Salcedo iniziò nella seconda metà del 1869 e sarebbe potuta durare fino alla metà del decennio successivo.Qu

Informazioni generali sul Castello di Salcedo

La costruzione del Castello di Salcedo iniziò nella seconda metà del 1869 e sarebbe potuta durare fino alla metà del decennio successivo.

Questo sembra essere indicato da un piano o schizzo trovato nell’archivio di Siviglia, in Spagna.

Questo documento si riferisce alla pianta e al profilo di un pezzo di posizione di artiglieria sulla collina di Puerto Padre. È datato 1875 e corrisponde al tamburo inferiore della fortezza.

Alcuni specialisti ipotizzano che sia la data di completamento ma non ci sono dati concreti al riguardo. Potrebbe essere la legalizzazione di un oggetto di lavoro finito.

Il Castello e i suoi aspetti costruttivi

Unico per la sua tipologia nel paese, il Castillo de Salcedo è stato costruito con materiali abbondanti nel luogo, ovvero calcare, cocco, calce, sabbia e sostanze leganti come l’aloe vera.

Il procedimento utilizzato per preparare la malta consisteva nel far marcire il cocco con altre sostanze, tra cui calce e aloe vera.

È stato concepito come una pianta rettangolare, asimmetrica, alla quale accede un tamburo sul davanti e un tamburo sul retro.

In questi luoghi furono collocati pezzi di artiglieria per la loro difesa e quella della città.

Due torri sullo sfondo e due torrette nella parte anteriore, con le loro pareti laterali o mura. Le torri con feritoie su due livelli ei bastioni rendevano possibile la difesa attraverso più di 80 feritoie.

Il Castello di Salcedo e la sua storia

Nel 1907 fu concepito il progetto di trasferire l’ospedale Aguilera situato a La Anacahuita al Castillo de Salcedo.

Questa idea non è andata avanti. Durante la pseudo-repubblica il Forte fu abbandonato fino al 1958 quando il Club “Todo por Puerto Padre”, formato da elementi progressisti della borghesia locale, riparò il muro di cinta crollato per costruirvi una casa.

Alla fine di quell’anno, la ripresa rivoluzionaria già inarrestabile, le forze della dittatura lo usarono come campo.

Da allora in poi, il Forte fu un centro di torture e umiliazioni. Il 25 dicembre 1958, le forze ribelli presero il Forte di La Loma.

Questa posizione fu l’ultima ad arrendersi ai rivoluzionari, forse per le ottime condizioni di protezione fornite dalla fortezza.

Assalto al castello di Salcedo

La mattina presto del 14 febbraio 1877, le forze di Mambisa attaccarono il Castillo de Salcedo. All’alba il forte si arrese alle forze cubane. Il bottino di guerra era considerevole.

L’assalto a Fort La Loma fu un clamoroso trionfo del Mambi. Alla fine della guerra del 68, il Forte fu praticamente abbandonato fino al 1895, quando gli spagnoli iniziarono a ricostruirlo e migliorarlo prima della nuova emergenza bellica.

Il responsabile di questo compito era l’ingegnere spagnolo Bonet. Dalla sua fondazione fino al 1898, il forte servì da prigione per diverse persone, cubani e spagnoli, accusati di collaborare con le forze dell’Esercito di Liberazione o elementi attivi di questo esercito.

Il 21 maggio 1898 il Forte fu abbandonato dalla sua guarnigione spagnola. Nel pomeriggio dello stesso giorno, i mambis presero possesso della città e del castello di La Loma.

Il Castello dopo il trionfo rivoluzionario

Quando la Rivoluzione trionfò, il Castillo de Salcedo servì temporaneamente come caserma per l’Esercito Ribelle e quando furono create le Milizie Rivoluzionarie Nazionali, fu anche utilizzato come caserma e centro per varie attività.

Il 4 novembre 1981, il Forte di La Loma è stato dichiarato Monumento Nazionale dalla Direzione dei Beni Culturali del Ministero della Cultura. Dopo il restauro, è stato inaugurato e aperto al pubblico come museo il 25 dicembre 1999.

Previous articleCastello de la Real Fuerza
Next articleCastello del Principe

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .