Castello de la Real Fuerza

Castello de la Real Fuerza
Il Castello de la Real Fuerza è considerato un esponente distintivo dell'architettura militare della colonia spagnola nell'area caraibica. Si

Il Castello della Royal Force e le sue generalità

Il Castello de la Real Fuerza è considerato un esponente distintivo dell’architettura militare della colonia spagnola nell’area caraibica.

Si trova nella Plaza de Armas, attuale Centro Storico dell’Avana. Sulla sua torre si erge la “Giraldilla”, simbolo del capoluogo dell’isola e al suo interno è possibile trovare una raccolta museale della storia della fortificazione e vari oggetti legati alla storia della navigazione e della costruzione navale a Cuba. .

Dal 1990 al 2005 è stata la sede del Museo Nazionale della Ceramica, anche se oggi è il Museo Castillo de la Real Fuerza.

Tra il 13 e il 17 dicembre 1982, nell’ambito del 6° incontro del Comitato intergovernativo della Convenzione del patrimonio culturale e naturale mondiale tenutosi presso l’UNESCO a Parigi, come parte integrante del Centro storico dell’Avana Vecchia, è stato questo monumentale edificio architettonico l’opera ha ottenuto lo status di Patrimonio dell’Umanità.

La storia del Castello de la Real Fuerza

La costruzione del Castello de la Real Fuerza inizia il 1 dicembre 1558, dopo la distruzione della Fuerza Vieja, la prima fortezza dell’Avana.

Questa fortezza fu eretta nello spazio occupato dall’originaria piazza cittadina, di fronte al canale d’ingresso alla Baia dell’Avana.

I lavori di costruzione iniziarono sotto la direzione dell’ingegnere Bartolomé Sánchez, che procedettero lentamente finché nel 1562 Francisco Calona sostituì Sánchez e ripresero i lavori sull’edificio che era ancora sulle fondamenta.

Diciannove anni dopo la proprietà fu estinta. Tuttavia, a partire dal 1588, si cominciarono ad ampliare il piano superiore, destinato ad abitazione dei governatori, e intorno al 1630 fu aggiunto un piano alla torre all’angolo del bastione sud-ovest.

In questo luogo fu collocata la “Giraldilla”. Durante la presa dell’Avana da parte degli inglesi, nel 1762, questa fortificazione servì da centro organizzativo per la difesa della città e divenne uno dei principali bastioni di quel conflitto.

Oltre a servire come residenza dei capitani generali e dei governatori di Cuba, il Castillo de la Real Fuerza serviva a custodire l’oro, l’argento e altre mercanzie preziose che arrivavano sull’isola in transito verso la Spagna.

Quando la metropoli riprese il dominio coloniale della città, dopo il 1762, il castello stanziò le truppe nella piazza e durante la Guerra dei Dieci Anni divenne Sede del Corpo Volontari dell’Avana.

Verso il 1899 il governo interveniente nordamericano ordinò il trasferimento dell’Archivio Nazionale alla fortezza, dove rimase fino al 1906.

Da quella data fu adibito a caserma della Guardia Rurale e dal 1909 fu occupato dalla sede di tale corpo. Tra il 1938 e il 1957 il Castillo de la Real Fuerza fu la sede della Biblioteca Nazionale.

Dopo il trionfo rivoluzionario del 1959, il piano superiore ospitò prima la Commissione Nazionale dei Monumenti e poi il Centro Nazionale per la Conservazione, il Restauro e la Museologia. Il Museo delle Armi era situato al piano terra.

Il Castello e la sua architettura

Il Castillo de la Real Fuerza si caratterizza per la sua perfetta simmetria, tipica dell’architettura rinascimentale del XVI secolo.

La pianta può essere intesa come un quadrato diviso in nove parti uguali, che sormontano quattro bastioni regolari o come quattro quadrati concentrici.

I bastioni furono costruiti seguendo le nuove tecniche imposte a quel tempo nell’uso del cannone, che determinarono che le fortezze dovessero essere costruite con mura spesse per avere una maggiore resistenza ai proiettili.

Intorno alla fortezza vi era il fossato umido delimitato dal muro perimetrale.

La Royal Force aveva numerosi difetti, come un piccolo cortile, feritoie troppo aperte nei bastioni, volte alte e sottili, assenza di scale per accedere al ponte superiore, fossa poco profonda e artiglieria carente.

Va notato che alcuni di questi problemi sono stati corretti, sebbene altri non abbiano mai avuto una soluzione.

Previous articleCastello di San Salvador de La Punta
Next articleCastello di Salcedo

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .