Cabaret Tropicana

Mentre attraversi l'Avana non puoi perderti uno dei siti emblematici della città e famoso in tutto il mondo il Cabaret Tropicana, un paradiso sotto le stel

Una visita al Cabaret Tropicana all’Avana.

Mentre attraversi l’Avana non puoi perderti uno dei siti emblematici della città e famoso in tutto il mondo il Cabaret Tropicana, un paradiso sotto le stelle.

Otto decenni di vita non gli hanno fatto perdere tutto lo splendore che lo caratterizza. Si trova all’aperto in un’area ricca di alberi frondosi, mango, mamoncillo e altri frutti che gli conferiscono un’aria tropicale e un’atmosfera intima.

Lo puoi trovare in calle 72 n. 4504, e / Ave. 45 e 47, dal comune di Marianao, L’Avana. È il luogo più famoso per la ricreazione e la vita notturna a Cuba, la più grande delle Antille con una capacità di 1000 persone.

Il menu che offre all’istituzione è stato formato attraverso un processo di sondaggi di milioni di clienti che lo hanno visitato nel corso degli anni.

Il ristorante gourmet Los Jardines ha offerte per vegani e vegetariani, verdure fresche e frutta e flambé nel servizio e nel completamento dei piatti di fronte ai clienti. Attualmente è un monumento nazionale di Cuba.

Nella città di Santiago de Cuba c’è anche un altro cabaret che ricrea anche l’ambiente esterno con una capacità di 1200 persone, è il più grande cabaret di Cuba.

Qui puoi trovare il ristorante El Pavo Real, una discoteca e un piano-bar. In questa replica del cabaret più famoso dei Caraibi, puoi goderti spettacoli più vicini alla cultura della regione.

Cosa puoi trovare al Cabaret Tropicana?

Al cabaret Tropicana puoi goderti la musica più autenticamente cubana. Il figlio, il chachachá, il bolero, la conga o uno qualsiasi dei vari ritmi che accompagnano uno spettacolo eseguito da oltre 300 artisti che compongono un cast di ballerini, cantanti e musicisti in un ambiente naturale con palme, luci e colori.

Oltre al ristorante, ha l’Arcos de Cristal Lounge, uno spazio per i giorni di pioggia e il Rodney Café, un altro spazio molto più moderno con un’atmosfera in cui gustare drink e scaricare la sera.

I ballerini indossano calze trasparenti e abiti leggeri mentre sfoggiano abiti piumati e paillettes che esaltano il colore e la brillantezza in un ambiente notturno, all’aperto, uno spettacolo ripetuto e rinnovato allo stesso tempo dalla sua apertura.

Tropicana, dalla sua storia

Fu il Truffin francese Regino Du Rapaire a possedere la Villa Mina, una proprietà suburbana durante l’emergere del Comune di Marianao. La sua vedova, Mina Pérez Chaumont, decise di apportare modifiche al terreno alla fine degli anni ’30.

Intendeva trasformare la villa di riposo nel miglior night club dell’Avana perché la posizione della villa soddisfava tutti i requisiti per loro. Era un luogo privato con un ambiente naturale accogliente e se poteva essere classificato come tale, aveva un ambiente che invitava la lussuria.

Ha commissionato il progetto all’uomo d’affari Víctor de Correa, che ha guidato il progetto e ha assunto uno dei migliori coreografi e registi dello spettacolo all’epoca a Cuba: Sergio Orta.

Tuttavia, fu un’altra persona, Martin Fox, l’uomo che immortalò Tropicana come uno dei siti emblematici del paese e della regione.

L’impressionante progetto del cabaret Tropicana

Martin Fox dedicato era un uomo che si dedicava al gioco d’azzardo e, secondo il cubano, ha messo il suo cuore nel progetto. Nel 1950 era il proprietario assoluto di tutta la terra e del Cabaret Tropicana, quindi assunse l’architetto Max Borges per un rinnovamento.

L’architetto assunto con una visione modernista ha ideato l’integrazione armoniosa di natura e spazio, quindi con questa idea ha vinto la medaglia d’oro della National Association of Architects con il progetto.

Tropicana fu anche una delle opere cubane che furono incluse nella mostra di architettura latinoamericana tenutasi al Museum of Modern Art di New York nel 1955.

Da dove viene il tuo nome?

Ci si chiede se fosse conosciuta come Villa Mina perché si chiama cabaret Tropicana. Ti invito a conoscere questo importante dettaglio. Inaugurato il 31 dicembre 1939, inizialmente portava il nome Boite de Nuit o Night Ballroom, ma solo un anno dopo cambiò nome in Tropicana.

È stato un suggerimento di Sergio Orta, il primo coreografo di Tropicana. Sergio prese il nome dall’omonimo lavoro del compositore e flautista cubano Alfredo Brito che fu pubblicato nello stesso luogo il giorno dell’inaugurazione.

Dicono che la notte di lunedì 30 dicembre 1940 sia stata molto speciale per coloro che hanno partecipato all’inaugurazione del Cabaret Tropicana.

Uno spettacolo che è durato fino all’alba di martedì in cui sono state onorate alcune delle star più importanti che sono passate sul palco, tra cui Nat King Cole e Carmen Miranda. Le foto di Nat King Cole sono state proiettate sugli schermi del palco mentre due ballerini hanno ballato la loro canzone “Tenderly”.

Cosa ha reso famoso Cabaret Tropicana?

Il Cabaret Tropicana deve la sua celebrità non solo al sito, alle sue offerte o ai famosi spettacoli che vi vengono presentati.

In parte è perché è stata prima un’attrazione di lusso che ha attirato l’attenzione di celebrità come Marlon Brando o Maurice Chevalier, o altri che si sono esibiti lì o condivisi con i clienti. Pertanto, la pubblicità ha permesso a Tropicana di diventare uno dei locali notturni più famosi al mondo.

La Royal Albert Hall di Londra, lo Sporting Club de Montecarlo Monaco, il Friedrichstadt Palace di Berlino e il Beacon Theatre di Broadway, New York, hanno ospitato spettacoli Tropicana.
Un altro fatto importante che coinvolge il luogo fu la trasmissione televisiva trasmessa da lì della stellare televisione messicana La movida, trasmessa in tutta l’America Latina nel 1992.

Nello stesso anno gli è stato assegnato il premio Best of the Best Five Star Diamond dalla North American Academy of Restaurant Industry.

Lì la collezione estiva dello stilista francese Pierre Balmain è stata presentata nel 1954 e successivamente nel 1996, la stilista giapponese Junko Koshino ha presentato la sua sfilata di moda al Salón Bajo las Estrellas, con la coreografia del maestro Santiago Alfonso, un momento che ha messo Prova la professionalità del cast del cabaret.

Ma c’era di più …

Il Cabaret Tropicana ha assistito a molti eventi importanti. Un altro esempio è la sera in cui la casa cubana Habana S.A. offerto trent’anni dopo la creazione dei suoi famosi sigari Cohíba.

Fu anche selezionato da ABC e CNN per trasmettere l’addio del 20 ° secolo a tutti.

Star cubane e internazionali si sono esibite al Tropicana. Vi si esibirono Joséphine Baker, Bola de Nieve, Rita Montaner Elena Burke, Libertad Lamarque, Cheo Feliciano e Nat King Cole.

Anche Frank Sinatra, Marylin Monroe, Tongolele, Xavier Cugat, Los Chavales de España, Carmen Miranda, Pedro Vargas, Norma Duval, Alejandra Guzmán, Rosita Fornés, Chano Pozo, Celia Cruz, Olga Guillot, Elena Burque, Omara Portuondo, Los Papines, sono altri di loro.

La presenza di questi personaggi famosi ha aggiunto alla qualità dell’attenzione e la bellezza degli spettacoli la rendono una delle opzioni più importanti della città e una da non perdere se si visita L’Avana.

L’arte di Rita Longa a El Tropicana.

Uno dei simboli del Tropicana è il suo ballerino, un’opera scultorea dell’artista cubana Rita Longa. Questa figura rappresenta una ballerina che sembra girare e con lei tutto ciò che la circonda. Nel tempo è diventato un simbolo della danza cubana.

Era il 1994 quando l’omonimo trofeo fu assegnato per la prima volta, costituito da una replica più piccola della Ballerina, scolpita da Rita Longa e premiata con personalità artistiche associate al cabaret.

Gli spettacoli del Tropicana

Durante la vita notturna del cabaret uno dei suoi motivi emblematici è rappresentato dagli spettacoli. Tra i più famosi ci sono Congo Pantera, La viuda alegre, Seis linda cubanas, Almanacco, Carnevale di Lecuona, Tropicana canta e balla per te, Brindisi con Tropicana e Tropicana: la gloria sei tu.

C’è anche lo spettacolo “Drums in Concert”, ideato dall’esperto maestro Tomás Morales. Con lo spettacolo, propone di visitare i ritmi cubani più riconosciuti e genuini. Naturalmente senza dimenticare l’eredità ispanica e africana. Quindi incorpora la rumba, il danzonete e il mambo, così come il jazz latino.

Costumi e scenografie accompagnati da coreografie accompagnano una messa in scena piena di immaginazione e realismo degno di applausi e ovazioni.

In questo spettacolo, spicca il personaggio “eco del tamburo”, un personaggio mitico con un volto coperto da una maschera, con i suoi forti movimenti pieni di mascolinità, rappresenta la virilità e sostiene un canto e un tributo al tamburo, un elemento obbligatorio della cultura cubana.

Mentre attraversa l’Avana, il Cabaret Tropicana è un invito irresistibile per divertimento e svago. Non perdere l’occasione di avvicinarti a uno dei locali notturni più famosi al mondo.

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .