Baia dell’Avana

Baia dell'Avana
La baia dell'Avana stessa e gli edifici che raggiungono le sue acque sono esempi di ingegneria civile, molto apprezzati e importanti. Ma per attirarti

Baia dell’Avana, un tesoro da scoprire.

Una delle opzioni che ti suggeriamo quando visiti L’Avana è passeggiare per la baia. La Baia dell’Avana stessa e le costruzioni che raggiungono le sue acque sono esempi di ingegneria civile, molto apprezzati e importanti.
Ma per incoraggiarti ad osservarlo, cosa potremmo aggiungere? Vale la pena ricordare che è una delle baie più grandi e sicure in America e nel mondo. La sua forma di borsa offre sicurezza alle imbarcazioni che attraccano e allo stesso tempo ha una posizione geografica ed economica sicura.
Nelle sue acque si verificò anche un evento storico che segnò il corso della storia sull’isola, lo scoppio della nave americana Maine, fatto che servì da pretesto per gli Stati Uniti per intervenire nella guerra del 1895 che pose fine all’intervento e poi la costituzione della Repubblica.

Sfondo e cronologia.

Per conoscere l’origine della baia, dobbiamo ricordare che la fondazione delle ville a Cuba è sempre stata legata alla presenza di acqua. L’Avana o Villa de San Cristóbal de La Habana non facevano eccezione. È stata fondata nel 1519 e da quel momento tutto ciò che è accaduto è stato associato a questo specchio d’acqua, sia nella vita economica, politica, sociale e culturale.
Inizialmente questa zona ha segnato i luoghi di svago e svago per gli abitanti locali e quando la città ha iniziato a mostrare uno sviluppo fiorente in tutti gli aspetti, è stato necessario pensare a proteggerlo. Per questo motivo, di fronte agli imminenti attacchi di corsari e pirati e alla minaccia rappresentata da Francia, Inghilterra e Paesi Bassi nei loro sforzi di espansione territoriale, è stato istituito un sistema di difesa che occupava il territorio dalla foce di quello che oggi è il fiume Almendares, ex La Chorrera, fino all’ingresso del canale della baia.
A poco a poco apparvero piattaforme, trincee e alcuni posti di osservazione, che in seguito si modernizzarono e divennero uno dei complessi difensivi più importanti di tutta l’America Latina.
Il 1561 segnò una data importante nel calendario dell’Avana, fu istituita la Flotta delle Indie e la città osservò uno sviluppo molto rapido proprio nelle aree immediate della baia. Lì si insediarono i principali centri residenziali e gli edifici pubblici.
Il fatto che la ricchezza proveniente dal resto delle colonie sia entrata in questa baia ha sollevato la necessità di assicurarla ulteriormente. Così, a poco a poco, apparvero i castelli di San Salvador de la Punta, Los Tres Reyes del Morro e il Muro dell’Avana. Quindi furono costruiti la fortezza di San Carlos de la Cabaña e i castelli di Santo Domingo de Atarés e Principe.
Il passare dei secoli ha dato molta più importanza a questa baia, una volta, una delle più inquinate al mondo dai rifiuti gettati in essa e ora una bellezza di cui non si può parlare senza menzionare il Porto e il Tunnel di la baia.

La porta.

Sebbene quasi nessuno vi attracchi più come passeggero, a meno che non attraversi l’Avana in crociera, il porto della Baia dell’Avana merita un’attenzione speciale. Fu uno dei più importanti durante il periodo coloniale in tutta la regione.
Ma all’inizio il porto era un sito rustico con ormeggi e capannoni di legno sul terreno attraverso il quale approdavano merci e passeggeri e che aveva una distribuzione divisa per esigenze locali.
La fondazione di Guanabacoa con le sue case coloniche e la Virgen de Regla è stata molto importante. Allo stesso modo, le banchine principali occupavano lo spazio dal Castillo de La Fuerza a Plaza de San Francisco per le barche che venivano o uscivano.
Per il trasferimento di passeggeri e merce, dalla Muelle de Luz alla Baluarte de San Isidro. E, naturalmente, per poter riparare le navi del bacino dell’Arsenale.
Ma il costante sviluppo economico fece sì che fino al 1850 i bacini si espandessero e che la vita non riguardasse solo l’imbarco e lo sbarco. Molti spazi vicini hanno migliorato la vita a L’Avana, tra cui La Alameda de Paula, il Teatro Principal, La Cortina de Valdés e Paseo de Roncalli.
Abbiamo già menzionato la rete di fortificazioni per proteggere la baia e la città e che includeva la Torreón de San Lázaro, l’El Morro de La Habana, la fortezza di San Carlos de la Cabaña, il Castillo de Atarés e altri.
Ma se parliamo del porto e degli elementi che lo contraddistinguono, non possiamo non menzionare il faro, situato nella fortezza di El Morro. Il faro fu installato nel 18 ° secolo ed è curioso che sebbene siano passati diversi secoli e lo sviluppo imponga nuove tecniche, funziona ancora con l’ottica di origine francese installata al momento della sua costruzione.
Include anche tutti i meccanismi e le leve originali per il contrappeso per azionarlo, sebbene il suo sistema sia ora elettrico, l’unica modifica significativa apportata a questo lavoro.

Il tunnel.

Mentre attraversi l’Avana, è quasi impossibile che non passi mai attraverso il tunnel dell’Avana. La sua costruzione era una necessità perché prima che esistesse era necessario fare una deviazione di diversi chilometri attraverso la baia per accedere ad est della città.
Il passaggio da un lato del tunnel all’altro richiede meno di un minuto. Questo gioiello fu costruito in uno spazio di due anni e mezzo da una società francese, la “Societé de Grand Travaux de Marseille”, sotto la direzione tecnica dell’ingegnere cubano José Menéndez Menéndez dal 1952.
Dichiarata una delle sette meraviglie dell’ingegneria civile cubana, la galleria è lunga 733 metri. Ha quattro percorsi da percorrere o da percorrere che rendono possibile il collo di bottiglia così comune in altri paesi.
Questa costruzione è immersa sotto il canale di ingresso della baia a circa 12 o 14 metri di profondità. Ha un sistema di tubi in cemento armato che sono pronti a sostenere un peso di migliaia di tonnellate di acqua, un fatto che è successo per più di sei decenni con tutta la sicurezza possibile. Mentre attraversi l’Avana non perdere i dettagli su questa parte della città.

Tunnel della baia dell'Avana

Tunnel della baia dell’Avana

Tunnel della baia dell'Avana: una delle sette meraviglie dell'ingegneria civile cubana. Tra le sette meraviglie dell'ingegneria civile della Repubblica di Cuba spicca il tunnel dell'Avana o il tunnel della baia dell'Avana. Questo lavoro fu costruito in...

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .