Accademia di San Alejandro

L'Accademia di San Alejandro
L'Accademia di San Alejandro fu fondata l'11 gennaio 1818 nel convento di San Agustín, all'Avana. Il suo fondatore fu il pittore francese Jean Baptiste

Accademia di San Alejandro e insegnamento artistico.

L’Academia de San Alejandro è un centro di insegnamento dedicato all’insegnamento artistico. Fu fondata nel 1818, rendendola la più antica del suo genere a Cuba e in America Latina.

A Cuba, solo Università dell’Avana la supera. Nel tempo ebbe il suo insediamento in diversi luoghi della capitale cubana, fino al 1962, quando fu trasferito in uno dei quattro edifici che compongono l’Ensemble Scultoreo dell’obelisco di Marianao.

L’Accademia, una scuola per insegnanti.

L’Accademia di San Alejandro fu fondata esattamente l’11 gennaio 1818 nel convento di San Agustín, all’Avana. Il pittore francese Jean Baptiste Vermay fu il fondatore di questo illustre centro di arte cubana e dal 1832 in poi fu chiamato San Alejandro per ricordare Alejandro Ramírez, sovrintendente generale e direttore della Royal Economic Society of Friends of the Country.

Un anno dopo divenne una sezione della Royal Academy of Noble Arts di San Fernando a Madrid e dal 1883 l’Accademia delle Arti di San Alejandro si unì all’Università e gli studenti premiati ricevettero il titolo in Aula Magna.

Nel suo primo secolo, è stato diretto da importanti artisti francesi e italiani. Grandi figure di arti plastiche e incisioni sono passate lì, come le scultore Rita Longa, creatrice del murale che abbellisce la facciata dell’Hotel Habana Libre e Juan José Sicre, il creatore del Memoriale José Martí.

Agustín Cárdenas uno dei 10 più grandi scultori del 20 ° secolo e pittori come Víctor Manuel, Flora Fong, Roberto Fabelo, Servando Cabrera Moreno, Fidelio Ponce de León, Raúl Martínez, Jorge Arche ed Eduardo Abela hanno studiato anche nelle loro aule.

Artisti famosi a San Alejandro.

San Alejandro è stato diretto da artisti famosi, sia cubani che stranieri. Tra questi ricordiamo Joseph Leclere, che insegnò e iniziò a modellare le lezioni nella scuola nel 1848.

Anche Federico Mialhe, un paesaggista e scienziato italiano che ha assunto la direzione nel 1850 e ha riaffermato il paesaggio nella pittura del XIX secolo, è passato di lì.

Anche Miguel Melero, Leopoldo Romañach e Armando Menocal, che hanno aperto nuovi concetti per l’insegnamento, hanno diretto il centro. Esteban Valderrama y Peña, Enrique Caravia, Florencio Gelabert e Carmelo González, fondatore dell’Associazione cubana di incisori e che hanno incorporato nell’insegnamento l’incisione su legno, la xilografia e la stampa calcografica.

Domingo Ravenet, Juan José Sicre, Rita Longa, Agustín Cárdenas, Víctor Manuel, Fidelio Ponce de León, Jorge Arche, Eduardo Abela, Raúl Martínez, Servando Cabrera Moreno, Juan Moreira, Flora Fong e Roberto Fabelo sono nomi di importanti artisti delle arti plastiche a Cuba e che ha attraversato l’Accademia.

Un altro fatto curioso è che José Martí, The Hero of the Republic, è stato arruolato per alcuni mesi nel centro e anche Camilo Cienfuegos faceva parte dello staff.

Sant’Alessandro oggi, altre peculiarità.

Oggi vengono insegnate lezioni di pittura, incisione, scultura, grafica, ceramica e arte digitale. Mette a disposizione di studenti e ricercatori un archivio storico relativo all’Accademia che apre dal lunedì al venerdì dalle 7:00 fino alle 17:00

Gli archivi conservano documenti di combattenti a favore dell’indipendenza, combattenti contro la tirannia di Batista e combattenti della nostra impresa rivoluzionaria.

Ha diverse sedie, quella di disegno, pittura, incisione, scultura, ceramica, gioielleria, grafica e arte digitale e quella di soggetti teorico-culturali. Questo ci dà l’idea di quanto sia ampio lo spettro di apprendimento nell’Accademia.

Per accedervi, si svolgono gli esami di ammissione in cui i candidati sostengono 5 esami di disegno naturale, creativo, creativo, di modellazione e un esame di valutazione teorico scritto per le arti. Chiudi un’intervista orale in cui sono presentate le cartelle di lavoro.

Ogni anno il numero di posti di ammissione è stabilito dai piani, 20 dal piano 9 °, 15 studenti dal 12 ° piano e 20 studenti dal piano notte. In questo modo, l’opzione raggiunge luoghi remoti e luoghi nel paese in cui quasi sempre i talenti rimangono sconosciuti o lavorano a basso profilo attraverso le Case della Cultura.

Studenti e insegnanti sono riusciti a superare gli ostacoli imponendo creatività, arte e impegno sociale d’avanguardia per la più autentica identità culturale dell’isola.

Oggi è un centro di riferimento per l’insegnamento delle arti visive nel paese, nonché un centro metodologico nazionale e appartiene al Ministero della Cultura e al Centro nazionale per le scuole d’arte.

LEGGI UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti .